Excite

Pierluigi Bersani ricoverato in serie condizioni a Parma: un'emorragia cerebrale ha colpito l'ex segretario Pd

  • Getty Images

di Claudia Gagliardi

Serio malore per l'ex segretario del Partito Democratico: Pierluigi Bersani si è sentito male intorno alle 11 di domenica mattina ed è stato subito accompagnato al pronto soccorso di Piacenza dalla moglie e dal fratello. I primi accertamenti hanno rilevato, attraverso una Tac, un problema molto serio: fonti ospedaliere prima e il suo portavoce poi hanno confermato che è stato colpito da un'emorragia cerebrale.

Malore Bersani, guerra sui social: "Meglio lui che Schumi", "Una pensione in meno". E i politici insorgono

Per questo Bersani, 62 anni lo scorso settembre, è stato trasferito d'urgenza all'ospedale Maggiore di Parma, nel reparto di neurochirurgia, a bordo di un mezzo del 118. Secondo le prime agenzie di stampa, Bersani non ha mai perso conoscenza ed è rimasto vigile: l'ex candidato premier del centrosinistra è stato sottoposto ad ulteriori accertamenti, in particolare ad un'angiografia.

Il portavoce di Pierluigi Bersani, Stefano Di Traglia, ha rassicurato sulle conseguenze del malore: "Ha avuto una lieve emorragia cerebrale ma sembra, per fortuna, senza conseguenze serie dal punto di vista neurologico". All'ospedale di Parma sono arrivati molti rappresentanti delle istituzioni locali, come il presidente della Regione Emilia Romagna Vasco Errani e quello della provincia di Parma Vincenzo Bernazzoli, oltre ad esponenti del Partito Democratico a livello locale e nazionale.

Stefano Fassina si dimette dal governo per l'ironia di Matteo Renzi. Il segretario: "Pd non mette in crisi Letta"

Gli esami diagnostici effettuati per indagare la natura e le conseguenze del malore hanno spinto i medici a decidere di operare Bersani con un intervento chirurgico d’urgenza: l'operazione alla scatola cranica, che potrebbe durare qualche ora, servirà ad apporre una "clip" all'arteria per chiudere l'aneurisma e bloccare l'emorragia. In sala operatoria il primario del reparto di neurochirurgia del Maggiore di Parma, il professor Ermanno Giombelli.

Smentite le prime indiscrezioni che hanno parlato di un attacco ischemico transitorio, il primo bollettino medico ufficiale sulle sue condizioni è arrivato alle 18 di domenica pomeriggio, ad operazione chirurgica in corso. Lo ha letto il direttore sanitario dell'Ospedale Maggiore di Parma Luca Sircana: "Pierluigi Bersani è arrivato al reparto di neurochirurgia dell'ospedale Maggiore di Parma in seguito ad un'improvvisa emorragia subaracnoidea diagnosticata poco prima presso l'ospedale di Piacenza. Dopo i primi accertamenti, che hanno confermato la diagnosi, si è individuata con un'indagine angiografica la causa dell'emorragia e si è quindi successivamente deciso di sottoporlo ad un intervento neurochirurgico che verrà effettuato nella serata di oggi". Un nuovo bollettino è atteso a mezzanotte.

A Bersani è arrivata via Twitter la solidarietà dell'attuale segretario del Partito Democratico, il sindaco di Firenze Matteo Renzi, che aveva sfidato Bersani alle primarie per la premiership nel 2012.

Sempre sul social network, diversi membri della segreteria democratica hanno scritto un tweet per Bersani, da Pina Picierno ad Alessia Morani, augurando all'ex segretario di superare presto il momento difficile. Anche la ministra Cecile Kyenge ha mandato un abbraccio via Twitter: "Vicina a Bersani e alla sua famiglia" ha scritto la titolare del Ministero per l'Integrazione in quota Pd. Il sindaco di Torino ed ex segretario dei Ds Piero Fassino ha parlato di "dolore e apprensione" per il malore che ha colpito Bersani.

Intervistato da RaiNews24 in merito alle polemiche dopo le dimissioni del viceministro Stefano Fassina, il responsabile della comunicazione del Partito Democratico Francesco Nicodemo ha ribadito la posizione di Matteo Renzi sulla vicenda ed ha sottolineato che tutti i dissidi interni passano in secondo piano rispetto alla notizia del ricovero di Bersani: "Oggi l'unica cosa che ci interessa è sapere che il nostro ex segretario sta bene" ha concluso Nicodemo. Anche il premier Letta, fanno sapere fonti di Palazzo Chigi, sta seguendo l'evoversi della situazione ed è in costante contatto con la famiglia di Pierluigi Bersani. Un "forza" arriva anche dal presidente del Senato Pietro Grasso e dalla Presidente della Camera Laura Boldrini.

Solidarietà anche dagli avversari politici. Un emozionato Renato Brunetta è intervenuto così in diretta a RaiNews24: "E' un mio caro amico, sono molto triste e preoccupato, sono vicino alla famiglia: forza Pierluigi, vincerai anche questa battaglia!". Su Twitter Matteo Salvini, neosegretario della Lega Nord, ha scritto: "Un in bocca al lupo sincero a Bersani. Su salute non si scherza, come purtroppo fece qualche pirla con U. Bossi". Un attestato di vicinanza all'ex segretario del Pd è arrivato anche dal sindaco di Parma Federico Pizzarotti (M5S). Dopo qualche ora dalla diffusione della notizia anche Silvio Berlusconi ha mandato un messaggio a Bersani: "Un abbraccio ad un avversario leale". Grande assente, unico tra i leader di partito, Beppe Grillo: nessuna attestazione di solidarietà da parte sua.

Sui social non sono mancate battute di cattivo gusto sul ricovero di Pierluigi Bersani, condannate dalla maggior parte degli utenti di Twitter. Come ha fatto notare anche Beppe Giulietti, presidente dell'associazione Articolo 21.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017