Excite

Ponte stretto di Messina, il no di Passera: "Non è prioritario"

  • Facebook.com

Corrado Passera dice "No" ad ogni possibile piano futuro per il ponte sullo stretto di Messina. Il ministro dello Sviluppo Economico, intervenendo a Radio Anch'io, ha escluso l'intenzione del Governo di voler prendere una decisione in merito all'argomento, fiore all'occhiello della campagna elettorale di Silvio Berlusconi, ma al contrario sottolinea con decisione che quello del ponte che dovrebbe collegare la Calabria alla Sicilia "non è una priorità".

"Non c'è una scelta definitiva, io non lo considero tra le infrastrutture prioritarie a cui dedicarci". Il Ministro nel suo intervento continua con le precisazioni: "Nello scegliere le infrastrutture a cui dare priorita', bisogna tenere conto di tante cose sul Ponte devo dire per trasparenza non ci dedicheremo". Tirano, almeno per il momento, un sospiro di sollievo le numerosissime associazioni ambientaliste da sempre contrarie alla costruzione del ponte, argomento legato da anni a polemiche e opinioni divergenti.

I movimenti che rifiutano l'idea della costruzione ritengono che ci siano troppo fattori contrari. Per prima cosa il costo eccessivo per un'opera non fondamentale per il Sud: si prevede infatti una spesa complessiva di 4,6 miliardi di euro.

Durissima la reazione del Pdl e di Altero Matteoli,ex ministro delle Infrastrutture nel Governo Berlusconi "Passera ogni giorno cambia i numeri sul decreto sviluppo. Gli 85 miliardi attivabili annunciati venerdì oggi si sono ridotti a 30-40. Lo stesso refrain ha utilizzato sui fondi per le infrastrutture, prima 20, poi 100 miliardi. Poco male, anzi male. Malissimo, invece, l'altro annuncio odierno arrivato dopo 8 mesi di studi e di riflessioni sul Ponte sullo Stretto che il superministro considera non essere un'opera prioritaria".

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016