Excite

Portogallo, aperta la crisi di governo

Ieri sera il primo ministro portoghese José Socrates si è dimesso. In Portogallo è così scoppiata la crisi di governo. Socrates ha deciso di dimettersi perché non è riuscito a raccogliere in Parlamento i voti per far passare il nuovo piano di austerity, proposto dal suo governo di minoranza. Il suo piano di risanamento dei conti pubblici è stato bocciato.

Le dimissioni di Socrates sono arrivate alla vigilia del vertice Ue centrato sui meccanismi anticrisi dell'Unione europea. Adesso, probabilmente, le autorità portoghesi dovranno chiedere il soccorso del Fondo europeo (Efsf) e del Fondo monetario. Si teme una nuova instabilità sui mercati finanziari, ma al momento sembra che la crisi politica non abbia avuto influenze negative. Ieri a Wall Street e nelle Borse europee, infatti, sono stati registrati rialzi. Un netto contrasto rispetto a quanto sta accadendo in Portogallo e non solo.

Ma lo stesso Socrates ha parlato di conseguenze gravissime. 'Ci saranno conseguenze gravissime sulla fiducia nel Portogallo da parte delle istituzioni e dei mercati finanzari, ha detto. Adesso il presidente Anibal Cavaco Silva avvierà colloqui con i partiti presenti in parlamento 'al fine di risolvere la situazione politica che deriva dalla richiesta di dimissioni del primo ministro'.

Intanto oggi e domani si svolge il summit europeo, ma secondo un'autorevole fonte europea è improbabile che il Portogallo chieda all'Unione europea un pacchetto di aiuti. L'ipotesi, però, non può essere esclusa. Secondo quanto fatto sapere dal funzionario i Paesi europei stanno facendo pressioni su Lisbona perché ricorra al sostegno finanziario; il timore è che i tentativi di resistere del Portogallo possano porre rischi per la stabilità dell'intera zona euro.

 (foto © LaPresse)

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016