Excite

Primarie Lombardia centrosinistra, vince Umberto Ambrosoli

Nonostante i timori che la neve, il freddo e le festività natalizie in arrivo influissero negativamente sull'affluenza, le primarie del centrosinistra in Lombardia sono state un grande successo, con oltre 150 mila cittadini che si sono recati ai seggi a votare, determinando un risultato che rispetta le previsioni della vigilia: Umberto Ambrosoli è il candidato all'incarico di governatore per il dopo Formigoni con il 57.64% di preferenze. A sorpresa - almeno per com'erano le sensazioni dei giorni scorsi - secondo si è piazzato l''outsider' Andrea Di Stefano, con il 23.25%, e terza Alessandra Kustermann, con il 19.11%.

Umberto Ambrosoli, il discorso dopo l'investitura a candidato del centrosinistra

L'annuncio ufficiale è stato dato alle 22 al Pirellone, alla presenza di tutti e tre i candidati, che hanno confermato il grande fairplay che ha animato tutta la campagna elettorale. "Sono personalmente molto soddisfatto del risultato, considerato che ero l'unico candidato a non avere una macchina organizzativa alle spalle. Ora possiamo vincere continuando a essere concreti e dando risposte vere", ha detto infatti Di Stefano, e Kustermann gli ha fatto eco dicendo di non essere "assolutamente" delusa, ma anzi più motivata che mai a continuare nel suo impegno per "far vincere il centrosinistra" e per "portare avanti la mia idea di riforma della sanità lombarda, che ho programmato insieme a quel mondo che si è contrapposto a Formigoni negli ultimi 17 anni".

Primarie Lombardia centrosinistra: si sceglie il candidato per il dopo Formigoni

Ovviamente molto soddisfatto Ambrosoli, che su Twitter, a caldo, ha commentato: "I primi numeri confermano le sensazioni positive raccolte da tanti cittadini lombardi in queste settimane", e nel corso dell'incontro ufficiale ha quindi annunciato che "la nostra priorità è il lavoro e l'impresa", invitando i suoi avversari a una stretta collaborazione: "Questo è solo l'inizio. Ora avanti tutti insieme".

E al neo-candidato governatore del centrosinistra è andato pure il plauso delle principali istituzioni cittadine. Il sindaco Giuliano Pisapia, infatti, ha dichiarato che Ambrosoli è "il segno del vero cambiamento", che da vera espressione di "questo centrosinistra aperto e plurale, non ha paura della mischia e si butta per vincere la partita". Pensiero confermato anche dal segretario generale della Camera di Commercio di Milano, Onorio Rosati, che ha detto che le primarie regionali sono state "un grande risultato di democrazia e di partecipazione. Segno di un centro sinistra maturo pronto per governare la Regione Lombardia".

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017