Excite

Processo Mills: Berlusconi prosciolto per prescrizione

  • Infophoto

Una sentenza data per scontata ormai da tempo: "Silvio Berlusconi è stato prosciolto dall'accusa di corruzione in atti giudiziari al processo Mills perchè il reato si è estinto per intervenuta prescrizione". Questo il verdetto dei giudici milanesi dopo 3 ore di camera di consiglio.

Ecco il commento del Cavaliere sulle pagine del "Secolo XIX": "Questo signore, Mills, aveva voluto compiere una 'marachella' col fisco inglese: non voleva pagare il dazio del 50 per cento su 600mila dollari di compenso professionale ricevuti da un armatore, e non voleva dividere la somma restante di 300mila dollari con gli ex soci perchè avrebbe dovuto darne altri 200mila, sarebbe rimasto con 100mila dollari" (...) "L'esito del processo dimostra la situazione della magistratura in Italia: non potevano fare una sentenza di condanna, perchè non c'era nessuna prova. Non si poteva neppure scriverla, una sentenza" (...) "Su questa cosa si sono gettati i pm italiani e hanno portato avanti un processo che doveva esser chiuso all'inizio perchè la realtà era evidente. Una storia durata anni, con i termini di prescrizione spostati in avanti in una maniera incredibile: si è arrivati pure a sostenere che il reato si compie non quando il corrotto riceve i soldi dal corruttore, ma quando comincia a spenderli".

L'avvocato Niccolò Ghedini ha poi confermato l'intenzione di far ricorso contro la sentenza di prescizione: "Noi abbiamo l'auspicio di avere un'assoluzione piena, perchè crediamo che il presidente Berlusconi se la meriti".

La replica di Di Pietro:
"In tutti questi anni Berlusconi si è fatto una serie di leggi per non essere condannato. C'è un signore che è stato corrotto da lui, come stabilisce una sentenza passata in giudicato, e lui, per non farsi processare, prima ha ridotto i tempi della prescrizione, poi c'è stato il legittimo impedimento e, infine, ogni volta che c'era udienza, trovava qualche problema. Insomma, è arrivato alla fine del tempo disponibile per fare il processo per dire che è innocente. Ma quale innocente? È un colpevole impunito, perchè se fosse davvero innocente, rinuncerebbe alla prescrizione per farsi processare".

Il Processo, chi è David Mills:
Mills è un avvocato inglese ed ex "Consulente della Fininvest per la finanza estera inglese, è stato condannato in primo e secondo grado per corruzione in atti giudiziari e falsa testimonianza in favore di Silvio Berlusconi nei processi Arces (tangenti alla Guardia di Finanza) e All Iberian"* (...) "Questo processo è scaturito dallo stesso avvocato Mills, il quale aveva scritto una lettera al suo commercialista, Bob Drennan. Nella lettera, Mills dichiarava che Berlusconi aveva versato in nero sul suo conto in Svizzera, tramite il suo dirigente Carlo Bernasconi, 600.000 dollari. Il versamento sarebbe stato dovuto alle testimonianze rese dinanzi al tribunale di Milano dove, nel processo per corruzione alla Guardia di Finanza e nel processo dei fondi neri di All Iberian, dove però Mills fu ascoltato in qualità di accusatore"*.

Restano ancora tre processi a carico di Silvio Berlusconi:

CASO MEDIASET:
È il processo sulle presunte irregolarità nella compravendita dei diritti televisivi da parte di Mediaset. L'ex presidente del Consiglio è imputato per frode fiscale, assieme ad altre persone, tra cui Fedele Confalonieri. La prescrizione del reato per Berlusconi dovrebbe cadere tra fine del 2013 e inizio del 2014. La prossima udienza è fissata il 5 marzo.

CASO RUBY:
Il processo si è aperto il 6 aprile scorso. Berlusconi è accusato di prostituzione minorile, per presunti atti sessuali compiuti durante alcune feste ad Arcore con l'allora minorenne Ruby in cambio di denaro e regali. Inoltre risponde di concussione per le pressioni che avrebbe esercitato nella notte tra il 27 e il 28 maggio 2010 con una telefonata alla questura di Milano per far 'rilasciarè la giovane marocchina trattenuta negli uffici di polizia per via di un furto.

CASO UNIPOL:
Il 7 febbraio scorso Silvio Berlusconi è stato rinviato a giudizio con l'accusa di concorso in rivelazione di segreto d'ufficio per la vicenda della fuga di notizie sull' intercettazione tra Giovanni Consorte e Piero Fassino ai tempi della scalata alla Bnl. Il processo si aprirà il prossimo 15 marzo davanti alla seconda sezione penale del Tribunale.

* Fonte Wikipedia

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016