Excite

Processo Ruby Berlusconi, il giudizio immediato: cos'è?

Il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi è stato rinviato a giudizio con rito immediato per il reato di concussione e prostituzione minorile nell'ambito del caso Ruby. Il premier sarà processato il prossimo 6 aprile. Ma cosa prevede il giudizio immediato?

Tutte le notizie sul caso Ruby - Berlusconi

Innanzitutto il giudizio immediato viene disposto e può essere chiesto soltanto quando la prova viene considerata evidente e prevede il salto dell'udienza preliminare, che si svolge dinanzi al gup. Un altro caso di applicazione è quello in cui è l'imputato stesso, dopo aver ricevuto la notifica per l'udienza preliminare, a farne richiesta. Saltando l'udienza preliminare si va direttamente al dibattimento. Nel caso del premier tanto i pm quanto il gip hanno ritenuto che ci fossero i presupposti, e quindi la 'prova evidente', per saltare l'udienza preliminare. Ciò non vuol dire necessariamente che il processo termini con una condanna, sarà il giudice, al termine del processo, a stabilire condanna o assoluzione con la sua sentenza.

Berlusconi, accusato di concussione e prostituzione minorile, sarà giudicato dal tribunale collegiale, formato da tre magistrati. E a giudicare il presidente del Consiglio saranno tre donne. Toccherà, infatti, al presidente dei giudici della quarta sezione penale di Milano Giulia Turri, affiancata dai giudici a latere Orsola De Cristoforo e Carmen D'Elia, stabilire se Berlusconi abbia effettivamente avuto rapporti sessuali con Karima el-Mahroug, meglio conosciuta come Ruby, quando la giovane marocchina era ancora minorenne e capire se davvero ci sia stato il reato di concussione nella telefonata fatta dal premier in questura, la notte dello scorso 27 maggio, per ottenere che Ruby venisse affidata alla consigliera regionale del Pdl Nicole Minetti.

Il rito immediato deve essere chiesto entro 90 giorni dall'iscrizione nel registro per una persona indagata a piede libero ed entro 180 dall'esecuzione della misura per un indagato sottoposto a custodia cautelare. Il decreto di giudizio immediato, che deve contenere l'avviso che l'imputato può chiedere il giudizio abbreviato o l'applicazione della pena su richiesta delle parti, ossia il cosiddetto patteggiamento, viene comunicato al pm e notificato all'imputato e alla persona offesa almeno 30 giorni prima della data fissata per il giudizio. Una volta decorsi i termini previsti per la richiesta di giudizio abbreviato, il decreto di giudizio immediato è trasmesso con il fascicolo al giudice competente per il giudizio.

Non appena ricevuta la notizia del rinvio a giudizio con rito immediato, Berlusconi, che si trovava in Sicilia con il ministro dell'Interno Roberto Maroni per visitare una struttura vicino a Catania da utilizzare per l'accoglienza degli immigrati tunisini (leggi la notizia), è subito rientrato.

 (foto © LaPresse)

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016