Excite

Regione Sicilia, 5 arresti per voto di scambio alle elezioni 2012: denaro per comprare preferenze

  • Twitter @Agenzia_Ansa

Voto di scambio e corruzione alla Regione Sicilia: questi i reati sui quali sta indagando la Procura di Palermo, che nell'ambito di un'inchiesta sulle elezioni del 2012 ha emesso cinque provvedimenti di custodia cautelare nei confronti di politici locali accusati di compravendita delle preferenze sul territorio.

Corruzione sulle grandi opere e raccomandazioni, bufera sul ministro Lupi

Le misure restrittive sono state messe in atto dai militari della Guardia di Finanza su ordine del Gip dopo un lungo lavoro investigativo coordinato dal procuratore aggiunto Vittorio Teresi, sulle tracce degli indagati grazie ad un'inchiesta parallela per mafia in Sicilia.

Tre i consiglieri in carica o della precedente legislatura arrestati, tutti con l'accusa di voto di scambio per le elezioni regionali di tre anni fa, mentre ad un finanziere indagato è stato contestato il reato di corruzione.

L'operazione (denominata Agorà dagli inquirenti) ha così evidenziato ancora una volta il nodo irrisolto dell'inquinamento tramite denaro e altre utilità” delle campagne elettorali a livello locale, individuando precise responsabilità in esponenti di partiti di area centrista, Udc e Pid-Cp nel caso specifico.

(Voto di scambio in Sicilia, si muove la magistratura e trema la Regione: video)

Il presidente della Commissione Bilancio dell'Assemblea regionale della Sicilia Nino Dina, il deputato Roberto Clemente, l'ex parlamentare Franco Mineo e il candidato consigliere Giuseppe Bevilacqua i nomi dei personaggi politici attualmente agli arresti domiciliari.

Tutti i soggetti coinvolti nell'inchiesta e già sottoposti a misura interdittiva subiranno la sospensione dal Consiglio della Regione dopo l'atto dovuto da parte della Presidenza dell'assemblea, con ratifica formale dell'aula e conseguente entrata in carica dei primi in lista tra i non eletti degli stessi partiti.

Nonostante l'interdizione ex lege, i deputati continueranno a ricevere una porzione dell'indennità da parlamentari regionali e torneranno in servizio una volta terminato il periodo di custodia cautelare.

In una conferenza stampa prevista per fine mattinata, i titolari dell'indagine illustreranno ai giornalisti i contenuti dell'inchiesta soffermandosi sulle posizioni dei singoli personaggi arrestati oggi dalla Guardia di Finanza.

Pubblicato da Marco Franco - Profilo Google+ - Leggi più articoli di Marco Franco

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017