Excite

Renata Polverini, trovate cimici alla Regione

La governatrice della Regione Lazio Renata Polverini spiata. Sembra proprio così. Nel corso di una bonifica ambientale, infatti, negli uffici della governatrice sono state trovate tre microspie e una telecamera. Sull'episodio indaga ora la Procura di Roma. Sarà poi forse un caso, ma nelle scorse settimane la Polverini ha subito due tentativi di furto nella sua abitazione romana.

Tutti i video su Renata Polverini

Ieri la governatrice della Regione Lazio, convocando nella sua stanza la stampa per mostrare gli apparecchi di intercettazione ritrovati nelle ultime ore nell'edificio di via Cristoforo Colombo, ha spiegato: 'Ieri sera ho telefonato al prefetto ed ho presentato un esposto in Procura perché nella mia stanza è stata trovata una microspia. Sono stati trovati anche nel resto del palazzo finora altre microspie ed una microcamera ad alta tecnologia'.

La Polverini ha poi aggiunto: 'Non preoccupatevi di registrare ciò che dico perché uno degli apparecchi è ancora in questa stanza'. E ancora: 'Non so chi potesse avere interesse a spiarmi, se malavita, criminalità organizzata, servizi deviati o aziende che in qualche modo stavamo penalizzando nella nostra azione politica'.

La governatrice della Regione Lazio ha quindi affermato: 'Tutto questo mi causa amarezza perché chiunque si pone con capacità, come credo, di riformare e cambiare le cose viene preso di punta da chiunque. Da quando ci siamo insediati abbiamo avuto da subito l'idea che qualcuno potesse avere la possibilità di informarsi su ciò che stavamo facendo, in particolare sui decreti della sanità'. A tal proposito la Polverini ha sottolineato: 'In particolare per quanto riguarda i decreti che emettevo come commissario alla sanità del Lazio e che firmavo anche a notte fonda, mi rendevo conto che la mattina dopo erano già alla conoscenza di altri'.

La Procura di Roma, che ha avviato le indagini, ha ipotizzato i seguenti reati: installazione abusiva di apparecchiature idonee ad intercettare ed interferenza illecita. Dopo il ritrovamento di ricetrasmittenti e di una microcamera ad alta tecnologia, la Polverini ha presentato un esposto in Procura e ha effettuato una telefonata al prefetto di Roma, Giuseppe Pecoraro. Incontrando i giornalisti la governatrice della Regione Lazio ha spiegato che al momento del suo insediamento non aveva ritenuto opportuno far effettuare alcuna bonifica del palazzo.

 (foto © LaPresse)

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016