Rimossa la fermata dell'autobus davanti a Palazzo Grazioli

Davanti la residenza romana del presidente del Consiglio Silvio Berlusconi è stata rimossa la fermata dell'autobus per "motivi di sicurezza". Come si legge sulla cronaca romana de Il Corriere della Sera, una squadra dell'Atac ha eliminato le palette che segnalavano la fermata in via del Plebiscito davanti a Palazzo Grazioli.

Sul sito dell'Atac è stato posto un avviso, ma non è stato comunicato dove siano state spostate le fermate degli autobus deviati. Il fatto ha suscitato la protesta dei cittadini, in particolar modo dei commercianti. Il presidente dell'Associazione Diritti dei Pedoni Vito Nicola De Russis ha in un primo momento pensato a uno scherzo, considerando che la fermata soppressa è "forse la più importante di Roma visto che è posta all'entrata di Palazzo Venezia e del Museo di Palazzo Venezia, cioè il punto fondamentale del turismo mondiale".

Il presidente della commissione Trasporti del Comune di Roma, Antonello Aurigemma, ha reso noto che la decisione è stata presa dalla Prefettura e ha spiegato: "Nel ribadire che questa scelta non viene da Atac, quanto da un organo come la Prefettura, il cui compito è proprio quello di garantire la pubblica sicurezza, l'amministrazione comunale ne ha preso atto e ha dato il via a tutte le iniziative necessarie per informare i cittadini: è stata cura dell'Atac, infatti, inviare sul posto suoi funzionari per comunicare agli utenti le fermate alternative da utilizzare per i loro spostamenti. La scelta di sopprimere la fermata di via del Plebiscito scaturisce, quindi, da esigenze di sicurezza dopo quanto avvenuto a Milano e dal clima di scontro politico che si è venuto a creare in questi mesi".

 (foto © LaPresse)

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2014