Excite

Risultati elezioni amministrative 2014, sindaco 5 stelle a Livorno. Pd vince a Bari, Padova e Perugia al centrodestra

  • Facebook/Beppe Grillo

Ѐ quello di Livorno il risultato più clamoroso di questa tornata di ballottaggi per le elezioni amministrative 2014. Il candidato del Movimento 5 Stelle Filippo Nogarin, outsider al primo turno col 19% e venti punti di distacco dal favorito Marco Ruggeri, è riuscito nell’impresa di strappare la storica roccaforte “rossa” toscana al centrosinistra, aggiudicandosi la vittoria con un sorprendente 53,1% di voti.

Amministrative 2014, al primo turno avanza il Partito Democratico

A due settimane dalla delusione delle Europee, per Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio è già tempo di festeggiare, grazie alle ottime performances del M5S i diversi comuni alle prese col rinnovo delle amministrazioni locali: un sindaco “pentastellato” prenderà le redini anche del Comune di Civitavecchia, dove Antonio Cozzolino ha doppiato lo sfidante democratico ottenendo il 66,57% di consensi, più del triplo rispetto alla percentuale del 25 maggio scorso.

Altra battuta d’arresto pesante per il Pd è la sconfitta a Padova, persa dopo 20 anni di governo cittadino interrotti soltanto per una legislatura da un’affermazione momentanea del centrodestra. Il successore di Flavio Zanonato per la carica di primo cittadino, Ivo Rossi, non è riuscito ad avere la meglio sul rivale Massimo Bitonci, eletto col 53,5% in quota Lega Nord ma sostenuto dall’intero arco dell’ex maggioranza parlamentare berlusconiana.

Dal canto suo, Forza Italia si vede soffiare uno dei suoi feudi degli ultimi anni, la Pavia del “formattatore” in fascia tricolore Alessandro Cattaneo da oggi governata da un blocco di centrosinistra con a capo il neosindaco Massimo Depaoli, premiato dal 53,13% di elettori al ballottaggio contro il 46,87 dell’amministratore uscente.

Ottimo il risultato del Pd a Bari, grazie al successo personale e di coalizione del centrosinistra reso esplicito dal sonoro 65,4% del candidato democratico Antonio Decaro, ma anche a Modena, che si conferma baluardo del partito di Matteo Renzi nonostante la rimonta del Movimento 5 Stelle fermatasi al 36,9% di Marco Bortolotti: il nuovo sindaco sarà Carlo Muzzarelli, votato dal 63,1% dei cittadini modenesi al secondo turno.

(Livorno, il candidato del M5S espugna il feudo "rosso": festa in Comune)

Da segnalare, l’affermazione dello storico dirigente di Mediaset Giorgio Gori a Bergamo, comune dove lo schieramento progressista è riuscito a far eleggere un suo rappresentante lasciando 7 punti di distacco al competitor Franco Tentorio, con un 53,5% del rassemblement che va da Sel all’Italia dei Valori, passando per Partito Democratico e liste civiche.

Di ribaltone politico si può parlare a Potenza, passata (come Teramo) da sinistra a destra per via della vittoria a sorpresa del candidato di Fratelli d’Italia Dario De Luca, forte di un 58,4% che permetterà alla sua nuova maggioranza di governare con un buon margine per i prossimi 5 anni.

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017