Excite

Roma, Alzetta espulso dal consiglio comunale dopo una bestemmia

Ieri pomeriggio durante la seduta del consiglio comunale di Roma, in Aula Giulio Cesare, il consigliere Andrea Alzetta (Roma in Action) è stato espulso per oltraggio all'Aula dopo aver pronunciato una bestemmia. Il fatto è accaduto durante l'esame di alcune delibere sull'edilizia convenzionata.

Quando il consigliere Antonino Torre, della Lista civica Alemanno, ha chiesto di rinviare la discussione di tre delibere sul Piano casa, il consigliere Alzetta ha gridato contro la maggioranza 'vergognatevi' e ha poi pronunciato una bestemmia. Immediatamente il capogruppo del Pdl Dario Rossin ha chiesto l'allontanamento di Alzetta dall'Aula, poi ha abbandonato il consiglio insieme ai consiglieri del Pdl in segno 'di grave indignazione'.

A quel punto la seduta è stata sospesa dal presidente del consiglio Marco Pomarici ed è stato riunito l'ufficio di presidenza che all'unanimità ha deciso di espellere Alzetta per oltraggio all'Aula. Non appena il consigliere è stato allontanato i lavori sono ripresi.

Alzetta ha così commentato l'accaduto: 'E' la quarta volta che provano a spostare la votazione di tre delibere che dovrebbero portare 300 appartamenti alla città. La verità è che la maggioranza ha interessi particolari dietro queste delibere. Mi è scappata una bestemmia e si sono attaccati a questa cosa per rinviare ulteriormente la votazione di queste delibere pronte da novembre, è una vergogna'.

 (foto © LaPresse)

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016