Excite

Roma: Milly D'Abbraccio e il suo fondoschiena sui manifesti

Volti nuovi in politica. Questo è ciò che chiede Milly D'Abbraccio la quale, dopo un tira e molla ad opera della lista di Grillini, si presenta al nono e decimo Municipio della Capitale. Per convincere gli elettori Milly ha deciso di utilizzare i suoi due sorrisi migliori (fronte e retro) mettendoli in bella mostra su una serie di manifesti comparsi ieri nei quartieri Appio, Tuscolano e Cinecittà. Non è però il volto dell'ex regina del porno ad essere protagonista, bensì il suo famoso fondoschiena.

Guarda i manifesti elettorali shock di Milly D'Abbraccio

Un manifesto "a effetto", come pure lo slogan che campeggia al di sotto: "basta con queste facce da c...". La squadra di attacchini che ha lavorato nelle ore notturne al fine di tappezzare la capitale con 7000 "sorrisi" (fronte/retro) era composta dalla stessa candidata, da Riccardo Schicchi, dall'addetto stampa e da due ragazzi incaricati di affiggere sia la versione soft, con la lettera "c" seguita da tre puntini di sospensione, sia la versione hard con la parola in questione scritta per esteso. Il partito di Grillini era contrario a questo manifesto, ma la candidata pare abbia insistito: "Li ho fatti stampare a mie spese e ora li utilizzo". (...) "Abbiamo però evitato la zona vicino al Vaticano, perchè non vogliamo dar fastidio".

Il Partito Socialista:"Il manifesto di Milly D'Abbraccio rappresenta una scelta autonoma di un candidato circoscrizionale di Roma e per stile e contenuto non è assolutamente conforme alla linee e alla tradizione del nostro partito". Lo afferma una nota dell'Ufficio stampa del Partito socialista. "La signora D'Abbraccio rimane un candidato circoscrizionale - si legge nel comunicato - non è una candidatura strategica e ci auguriamo vivamente che abbia il buon gusto di rimuovere al più presto quei manifesti e di non perseverare nell'affissione".

Franco Grillini:"Non mi entusiasmo, né mi scandalizzo", dice il candidato sindaco di Roma per il partito socialista, e commenta così la "censura ai manifesti di Milly D'Abbraccio espressa dai quadri nazionali del partito. Entrando nello specifico, poi, Grillini afferma che "quei manifesti io non li avrei fatti, ma allo stesso tempo il fatto che siano stati affissi non mi sembra uno scandalo di grandi dimensioni".

Una curiosità: anche il sito della porno candidata ha cambiato copertina, ora l'indirizzo www.millydabbraccio.com rimanda a un sorridente manifesto elettorale, senza fondoschiena in vista però. Altra storia se si decide di cliccare sul tasto "ENTRA".

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016