Rosi Mauro e Belsito espulsi dalla Lega Nord

  • vanityfair.it

La foto qui sopra, riesumata da Vanityfair.it, proviene dalle pagine di "Epoca" e mostra Umberto Bossi e Rosi Mauro in piscina nel 1994, un'estate molto calda a quanto pare e una mano del Senatur che si avventura dove non dovrebbe.

LA FOTOSTORY DI ROSI MAURO: DALLA PUGLIA AL SENATO (VIA LEGA NORD)

La "spintarella" del '94 si è trasformata in uno spintone. La "nera" è infatti stata espulsa dalla Lega Nord per mano anche dello stesso Bossi, spinto dal pressing dei colonnelli verdi, Maroni in primis, che da giorni ne chiedevano le dimissioni. Rosi ha deciso di non mollare la poltrona del Senato e la defenestrazione dal partito è arrivata.

Insieme alla Mauro è stato espulso Francesco Belsito, fulcro dello scandalo che ha gettato nel marasma la padania intera. L'espulsione di Renzo Bossi, consigliere dimissionario, "non era invece all'ordine del giorno". Ieri era giovedì e il pesce, è cosa nota, si mangia il venerdì.

Intanto l'Umberto mette le mani avanti e prova a rassicurare tutti: "Se si accerterà davvero che qualcuno della mia famiglia ha preso dei soldi appartenenti alla Lega farò un assegno per rimborsare l'intero importo".

La pasionaria invece, giunta a sorpresa al Consiglio Federale della Lega, ha mantenuto caparbiamente la propria linea: "Il rancore ha prevalso sulla verità" [...] "La mia epurazione era già scritta". Poi una nota scritta: "L'unanimità è stata imposta con un ricatto politico" [...] "Mi sono tolta un peso dal cuore, perchè non potevo stare nell'ambiguità e nell'ipocrisia". In merito alle dimissioni ha invece preso tempo: "Valuterò tutto, si fa un passo alla volta". L'unico che salva è Bossi: "Da lui non mi sento tradita".

L'unico "vincitore" è attualmente Roberto Maroni che, però, è entrato e uscito da via Bellerio senza rilasciare dichiarazioni.

Aldo Guffanti

I veri responabili non sono stati nemmeno toccati. In realtà è solo un regolamento di conti interno al partito con la scusa dell'inchiesta per sbarazzarsi degli incomodi. Il Trota non è stato espulso semplicemente perchè conta come il due di picche, senza il paparino alle spalle il ragazzo non va da nessuna parte, in compenso Calderoli, che nell'inchiesta ci è dentro fino al collo, non è stato assolutamente messo sotto accusa. E poi parlano di giustizia e vanno in giro con la scopa di saggina ... quella delle streghe.

2012-04-13 13:06:38
Domenico Calitri

DEBBO DIRE LA VERITà. NON LI VEDI TRADITORI, X CHE BELSITO GLIELODICEVE A BOSSI, LUI NEGA. COME DICONO I GIORNALI LA FACCENDA LO SAPEVA ANCHE CASTELLI. LA MAURO X CHE A RIFIUTATA LE DIMISIONE... X FA' CHE, Bàà

2012-04-17 15:27:36

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2014