Excite

Russia, accuse pesanti a Erdogan: 'Compra petrolio dall'Isis'

  • Getty Images

Torna altissima la tensione tra Mosca e Istanbul. Poche ore fa i vertici militari russi hanno accusato Erdogan e la sua famiglia di acquistare petrolio dall'Isis. Accuse gravissime, che se confermate potrebbero far precipitare la situazione nel Vicino Oriente.

Il premier turco si è difeso dicendo che 'nessuno ha il diritto di calunniare. Gli Usa sono intervenuti a favore del partner di mercato tramite il portavoce della Casa Bianca, Steve Warren.

Nato invita Montenegro, Russia irritata

'E' assurdo pensare che la Turchia stia collaborando con l'Isis', le parole di Warren 'Istanbul sta partecipando in maniera attiva alle operazioni anti-Isis'.

Erdogan ha cercato di buttare acqua sul fuoco delle polemiche annunciando le dimissioni qualora ci fossero prove di ciò che Mosca dice e che, in ogni caso, si augura che 'i rapporti diplomatici fra i due stati non peggiorino'.

LE PROVE DI MOSCA - Ma, a quanto pare, le prove di una collaborazione Istanbul-Isis esisterebbero. Tanto affermano i vertici militari russi, in particolare Serghiei Rudskoi, vice capo di Stato maggiore russo.

Secondo Rudskoi, esistono tre rotte attraverso cui lo Stato islamico cede l'oro nero alla Turchia, zone controllate, in Siria ed Iraq, dai terroristi dl Daesh.

'Quel petrolio è rubato ai legittimi proprietari, ovvero Siria ed Iraq. Abbiamo scoperto che l'Isis lo vende ad Erdogan ed alla sua famiglia', le parole di Rudskoi.

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016