Excite

Scontri ad Arcore, arrestati due giovani

Per gli incidenti di ieri ad Arcore sono stati arrestati due giovani, Giacomo Sicurello 23 anni di Desio e Simone Cavalcanti 21 anni di Sant'Angelo Lodigiano, con le accuse di violenza e resistenza a pubblico ufficiale. Per loro questa mattina il processo per direttissima al tribunale di Monza. A quanto pare, entrambi hanno precedenti di polizia, mentre uno dei due proviene dagli ambienti anarchici. Ma cosa è accaduto ieri?

Nel pomeriggio di ieri ad Arcore si è svolta la manifestazione organizzata dal Popolo Viola, alla quale hanno partecipato anche alcuni centri sociali milanesi, per chiedere le dimissioni del presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. La situazione è degenerata quando alcuni manifestanti si sono spostati verso la residenza brianzola del premier.

Le immagini degli scontri

Quella indetta dal movimento Popolo Viola doveva essere una manifestazione pacifica che, però, si è conclusa con scontri e feriti. Secondo quanto riportato dai mezzi di informazione, il bilancio degli scontri è di sei contusi tra poliziotti e carabinieri e di un funzionario di polizia ricoverato in ospedale con una profonda ferita alla testa dopo essere stato raggiunto da una bottiglia lanciata da un gruppo di giovani, separato dalla manifestazione del Popolo Viola.

A quanto pare nel corso della manifestazione, partita come un raduno allegro, alcune decine di giovani dell'area anarchica e dei centri sociali hanno tentato di raggiungere Villa San Martino, ciò ha provocato la reazione della polizia. Tutto è nato quando alcuni manifestanti si sono allontanati dalla piazza davanti al Municipio, dove fino a quel momento si era svolta pacificamente l'iniziativa, e hanno cercato di forzare il blocco delle forze dell'ordine in una delle vie laterali che portano alla residenza di Berlusconi. La polizia è così intervenuta e lo scontro con i manifestanti è stato inevitabile. Gli agenti hanno cercato di allontanare i manifestanti con cariche e qualche manganellata.

Altri disordini si sono verificati quando alcuni manifestanti hanno bloccato il traffico lungo la strada che collega Usmate a Villa Santa. Qui circa un centinaio di persone si è fermato in mezzo alla strada, proprio di fronte alla stazione ferroviaria. Alcune fonti vicine al premier hanno fatto sapere che Berlusconi era nella sua villa durante gli scontri.

Il Popolo Viola si è dissociato dalle iniziative violente che hanno avuto luogo ieri ad Arcore. In una nota di Gianfranco Mascia, uno degli animatori del No B Day, si legge: 'Come cittadini Viola ci dissociamo dall'iniziativa di una decina di facinorosi che hanno tentato di formare un corteo non autorizzato. Durante tutta la manifestazione la Rete Viola e il Popolo Viola di Milano hanno chiesto di mantenere la mobilitazione allegra, pacifica e colorata, seguendo lo spirito nonviolento dei Viola. La nostra solidarietà va alle forze dell'ordine con le quali manteniamo un rapporto di stretta collaborazione, come dimostrano le decine di mobilitazioni grandi e piccole organizzate da noi Viola in questi mesi, senza nessun episodio di violenza. Siamo vicini al carabiniere ferito e gli esprimiamo tutta la nostra solidarietà'.

 (foto © LaPresse)

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016