Excite

Guerra in Libia, ora lo scontro è tra Il Giornale e La Padania

Lo scontro tra Lega e Pdl sul rafforzamento dell'intervento militare in Libia (leggi la notizia) si traduce in scontro tra la carta stampata. Da un lato il quotidiano della famiglia Berlusconi Il Giornale, dall'altra il quotidiano della Lega Nord La Padania.

La guerra in Libia, tutti gli aggiornamenti

Dalle pagine de Il Giornale il direttore Alessandro Sallusti ha scritto: 'Altro che Libia e clandestini: dietro lo strappo del Carroccio c'è la manina del ministro Tremonti che vuole vendicarsi della nomina di Draghi alla Bce e dell'Opa francese su Parmalat'. Parole che celano il malumore del Pdl e del presidente del Consiglio Silvio Berlusconi.

Secondo Sallusti al ministro dell'Economia Giulio Tremonti non sarebbe affatto andato giù il risultato del vertice tra Berlusconi e il presidente francese Nicola Sarkozy e così avrebbe 'aizzato' i vari esponenti leghisti contro il governo. Ecco dunque spiegato, secondo Il Giornale, il fermo no del leader della Lega Umberto Bossi ai bombardamenti e l'invito del ministro dell'Interno Roberto Maroni a portare in Aula la questione Libia (leggi la notizia). Ma nel suo editoriale Sallusti ha invitato la Lega a riflettere attentamente. Il direttore de Il Giornale ha scritto: 'Sfasciare tutto per che cosa? Per vendicare Tremonti? Un po' poco ed è difficile farlo digerire al popolo leghista'.

Il quotidiano La Padania ha ribattutto sottolineando che la questione dell'immigrazione non è solo un puerile pretesto. Il quotidiano leghista ha oggi titolato: 'Bombe uguale più clandestini'. Le parole de La Padania sono chiare, il Carroccio non intende arretrare. La Lega è e rimane contraria all'intervento militare italiano in Libia.

 (foto © LaPresse)

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016