Excite

Sentenza Usa: "Le armi sono un diritto intoccabile"

La Casa Bianca ha espresso "soddisfazione" per la sentenza della Corte Suprema, che ha definito il diritto individuale protetto dalla Costituzione a possedere pistole per legittima difesa. La portavoce del presidente George W.Bush, Dana Perino, ha sottolineato come la Casa Bianca sia in sintonia con la decisione dei giudici, che "afferma come il Secondo emendamento sancisca un diritto al porto d'armi".

Sei d'accordo con la sentenza della Corte Suprema USA? Vota il sondaggio

John McCain, il candidato dei repubblicani alla Casa Bianca, ha accolto con entusiasmo "questa vittoria storica della libertà prevista dal Secondo emendamento", che riconosce che il possesso di armi "è un diritto fondamentale, intoccabile come il diritto di espressione o di assemblea". McCain ha immediatamente usato la sentenza per attaccare il rivale Barack Obama, accusandolo di non essersi voluto unire a lui nel sostenere di fronte alla Corte, nei mesi scorsi, la necessità di una sentenza come quella appena pronunciata.

La sentenza della Corte Suprema americana sulle armi è sostanzialmente giusta, ma al diritto costituzionale a possedere una pistola occorre affiancare "leggi di buonsenso" che frenino la proliferazione delle armi e la violenza: così il senatore Barack Obama, candidato dei democratici alla Casa Bianca, ha commentato la decisione del massimo organo giudiziario americano. Obama, accusato dal rivale John McCain di aver cambiato più volte posizione sul tema delle armi, ha affermato di essere "sempre stato convinto che il Secondo emendamento protegge i diritti degli individui a girare armati". Nello stesso tempo, Obama ha detto di immedesimarsi però anche "con il bisogno di comunità colpite dal crimine di salvare i loro bambini dalla violenza che imperversa nelle nostre strade, con misure di sicurezza di buon senso ed efficaci".

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016