Excite

Serbia, arrestato il boia Ratko Mladic

E' stato arrestato in Serbia, a 80 km da Belgrado, l'ex generale dell'esercito dei serbi di Bosnia Ratko Mladic. L'ex generale, accusato di genocidio e di crimini contro l'umanità compiuti durante la guerra bosniaca del 1992-1995, era ricercato da anni. La notizia del suo arresto è stata annunciata dalla tv di Stato. Uno degli obblighi della Serbia per entrare nell'Unione europea era proprio arrestare Mladic.

A quanto pare Ratko Mladic dovrebbe essere estradato verso il Tribunale penale internazionale dell'Aja (Tpi), ma secondo la procura generale serba sarà necessaria almeno una settimana. L'arresto dell'uomo accusato di genocidio e di crimini contro l'umanità è avvenuto nel corso di un'operazione speciale delle forze di polizia.

Dopo il fermo si è proceduto all'analisi del Dna per accertare che si tratti effettivamente di Mladic. L'uomo, infatti, dice di chiamarsi Milorad Komadic, ma sembra fuori dubbio che si tratti proprio di uno dei due ultimi criminali di guerra serbi ancora latitanti e richiesti dal Tribunale penale internazionale dell'Aja (Tpi). L'atro criminale ricercato è Goran Hadzic, ex capo politico dei serbi di Croazia.

Ratko Mladic era ricercato dal 1995. Dopo la notizia dell'arresto, il presidente serbo Boris Tadic ha affermato che la cattura di Mladic 'chiude una pagina di storia per la Serbia e ne apre una nuova, verso il futuro'.

Dure le accuse del Tribunale penale internazionale dell'Aja rivolte a Ratko Mladic. Torture, abusi, violenze sessuali e percosse nei confronti di musulmani di Bosnia. L'ex generale dell'esercito dei serbi di Bosnia è accusato anche di aver creato nei centri di detenzione condizioni 'calcolate per provocare la distruzione fisica dei musulmani di Bosnia' e di aver tentato di occultare le esecuzioni dei musulmani bosniaci a Srebrenica, con la tumulazione in luoghi isolati dei corpi esumati dalle fosse comuni.

Foto: wikipedia.org

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016