Excite

Servizio pubblico, Michele Santoro a Beppe Grillo: "Torna in te, non sei Gesù"

  • Youtube

Apertura di puntata pungente, quella di Michele Santoro a Servizio pubblico: nella sua consueta copertina, il giornalista sceglie di rivolgersi a Beppe Grillo commentando il putiferio scatenato negli ultimi giorni con le epurazioni dei dissidenti dal Movimento 5 Stelle. Santoro non ha mai nascosto l'importanza di un elemento di rottura come Grillo per la politica italiana ed è stato uno dei pochi a dare spazio al leader e al suo Movimento quando ancora la tv li snobbava.

La copertina di Michele Santoro dedicata a Beppe Grillo: guarda il video

Adesso però qualcosa è cambiato: la questione della trasparenza e della democrazia interna al Movimento 5 Stelle si fa sempre più pressante e Michele Santoro rivolge a Grillo l'invito ad affrontare la questione. Lo fa a suo modo, a metà tra il serio e l'ironico: "Avevi detto che eri in crisi di identità, che non sapevi se eri un comico o un politico, un maratoneta o Gesù, ma adesso mi pare che stai un po' esagerando". La premessa è chiara, il seguito ancor di più: "Che fai li cacci, guarda che non sei Berlusconi" prosegue il conduttore, citando la famosa frase di Fini alla convention del Pdl che sancì la sua espulsione. Poi Santoro fa notare come la querela di Casaleggio a La7 sia uno strumento degno della vecchia Casta: "Di solito chi querela, come hai scritto tu, è un politico. E tu che fai? Quereli? Ma Beppe, tu non sei Ghedini, non sei D'Alema".

Servizio pubblico, l'intervista a Tarantini: "Se una vuole andare a letto con Berlusconi...". Guarda il video

L'intento del monologo di Santoro è evidente: ricordare a Grillo tutto ciò che ha combattuto finora, invitandolo a non cadere negli stessi errori dei politici di professione, così aspramente criticati dal leader e dagli elettori del Movimento. E soprattutto Santoro affonda il coltello nella piaga quando entra nel vivo delle contestazioni sulle parlamentarie e sulla gestione del Movimento: "Per diventare deputato del Movimento 5 Stelle i candidati ti devono firmare una delega in bianco e poi tu fai una struttura di comunicazione che gestirà tutto, che non è ancora stata costruita. Ma Beppe, tu non sei Casaleggio e se uno ti chiede spiegazioni non lo puoi mandare all'inferno, perchè non sei Gesù, nè il Papa e nemmeno Cardinale".

Casaleggio querela La7 per Servizio pubblico

Santoro insiste sulla questione democratica e ricorda a Grillo che non può urlare "sei fuori" a chi lo contesta come se fosse Flavio Briatore nel suo realit show, perchè la politica è altro. Poi difende l'inviata del programma Giulia Innocenzi: il suo servizio sulle parlamentarie della scorsa settimana ha scatenato l'ira di Casaleggio, che sul blog di Grillo ha annunciato una querela per il direttore di La7 Paolo Ruffini proprio a causa del reportage trasmesso da Servizio pubblico. "Ti incazzi perfino con Giulia Innocenzi, che ha messo qualche vocina critica nel talk show. Ma i quelli dei talk show sono morti, mi preoccupi se cominci ad ascoltare i morti", conclude Santoro, facendo leva sulla nota critica che Grillo rivolge alla tv.

Beppe Grillo: "Fuori Giovanni Favia e Federica Salsi dal Movimento 5 Stelle"

Infine, un appello al leader 5 Stelle affinchè superi questo empasse e torni con i piedi per terra. "Beppe torna in te, perché se ti rincoglionisci troppo gli altri mettono da parte le primarie e tutto il vento di cambiamento e torneranno a fare come prima e peggio di prima. Noi abbiamo ancora bisogno di te se vogliamo cambiare la politica. Conta pure sulla mia firma per farti presentare le tue liste al Parlamento. Poi me ne torno laddove un giorno anche tu dovrai venire. Grillo accetterà l'invito a ridimensionare il suo ego e tornare ad essere lo straordinario guastatore della Casta?

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017