Excite

Si dimette il consulente di Hillary Clinton

La campagna di Hillary Clinton continua a perdere pezzi: dopo la manager della campagna Patti Solis Doyle, scaricata in febbraio, è ora la volta dello stratega capo della campagna Mark Penn, che ha gettato la spugna dopo esser stato sorpreso a far affari con la Colombia su un accordo di libero scambio a cui la First Lady è contraria. Le dimissioni di Penn sono state annunciate dalla manager della campagna Maggie Williams. Lo stratega resterà ad aiutare nella corsa ala nomination di Hillary nel settore che più gli è congeniale, i sondaggi ma il "messaggio strategico della campagna sarà affidato d'ora in poi al portavoce Howard Wolfson. 53 anni, consulente di campagne elettorali a tutto campo, da Silvio Berlusconi in Italia a Tony Blair in Gran Bretagna, Penn aveva molti nemici nella squadra di Hillary per aver permesso al rivale Barack Obama di spiccare il volo.

Lo stratega era stato accusato di aver costruito una campagna troppo prudente, troppo arrogante, troppo convenzionale, cieca davanti ai cambiamenti del panorama politico americano dagli anni Novanta. Al re dei "microtrend" (su cui ha recentemente scritto un libro, in cui sostiene che per vincere le elezioni bisogna adattarsi a una società segmentata) era stato imputato di non aver visto le "maxitendenze" della campagna 2008, la voglia di cambiamento degli americani, gli indipendenti in cerca di casa, le donne pronte tradire il loro stesso sesso, la politicizzazione dei giovani, i repubblicani stanchi di George W. Bush.

A far fuori Penn non sono state però le strategie sbagliate ma un macroscopico caso di conflitto di interesse. Lunedì scorso lo stratega aveva incontrato l'ambasciatore colombiano per discutere l'accordo di libero scambio che Hillary aveva apertamente criticato in campagna elettorale. Il Wall Street Journal, che aveva fatto lo scoop, aveva scoperto che la società di pubbliche relazioni di Penn aveva un contratto con la Colombia per favorire l'accordo. Lo stratega era stato costretto a scusarsi ma non è bastato. Ieri le dimissioni.

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016