Excite

Sicilia, Micciché video segreto: "Ho amici potenti"

  • Infophoto

Con il giorno delle votazioni dietro l'angolo (il 28 ottobre), un video 'segreto' del candidato alla presidenza della Regione Sicilia Gianfranco Micciché sta rendendo infuocati gli ultimi scampoli della campagna elettorale. In poco meno di 10 minuti di girato, infatti, il leader del Grande Sud non solo spara a zero sugli avversari politici, ma confida pure di conoscere persone importanti "in Italia e in Europa", di avere un fratello in Banca Intesa "che non puoi sottovalutare" e addirittura Montezemolo che gli fa gli scherzi telefonici.

Il video 'segreto' di Gianfranco Micciché

Utilizzato per giorni come uno spauracchio dal candidato del Pd Rosario Crocetta, perché a suo dire prova degli accordi proprio tra Micciché e Nello Musumeci (centrodestra) per gestire l'affare dei termovalorizzatori in Sicilia, il video alla fine è stato reso pubblico dallo stesso leader del Grande Sud, che ha scelto di proiettarlo in un cinema di Palermo.

La parte 'incriminata' è contenuta negli ultimi minuti di riprese e inizia quando Micciché dice: "Deve passare il messaggio che io quello che prometto lo mantengo e che le cose le so fare perché l'ho dimostrato". A quel punto il candidato del Grande Sud afferma: "Io ho relazioni europee e internazionali che non ha nessuno. Non sono quelle di Obama, io conosco tutti i principali imprenditori che ci sono in Italia e in Europa" e per dimostrarlo racconta di Luca Cordero di Montezemolo che gli fa uno scherzo al telefono facendosi passare per un giornalista di Repubblica e gli chiede se è amico di Dell'Utri. "Io con voi non parlo" risponde Micciché, salvo poi accorgersi che è Montezemolo "che materialmente mi rompe la minchia".

Ma non solo. Il leader del Grande Sud spiega agli interlocutori di avere un fratello dirigente in Banca Intesa e che benché non sia cosa che possa dichiarare in campagna elettorale, "puoi stare sicuro che nel momento in cui la Sicilia con suo fratello presidente della Regione ha problemi, non è che mi dà i soldi di Banca Intesa, ma mi organizza un tavolo con i cinque banchieri più importanti in Italia, forse in Europa, per trovare soluzioni. Il signor Crocetta non so chi può mettere attorno al tavolo per trovare soluzioni".

La clip si conclude con un accenno al governatore uscente - "Ricordatevi che non sono stato presidente cinque anni fa non perchè ho offeso Cuffaro. Minchiate! (...) Piuttosto, c'era tutto un quadro che Lombardo aveva garantito" - e con un riferimento proprio alla questione dei termovalorizzatori, che "si fanno solo se non c'è la mafia".

Insomma, dichiarazioni e commenti che hanno fatto montare una polemica rovente, ma che l'autore del video dichiara non essere state carpite con l'inganno. "Nessuna immagine rubata: la telecamera non era affatto nascosta e dunque se qualcuno non si è accorto che stavo effettuando delle riprese non può essere affar mio" ha dichiarato il regista, Gregorio Valvo, direttore del sito d'informazione siracusano Lanota7, che ha spiegato che le riprese sono state effettuate l'estate scorsa nella casa di campagna di Micciché, dove si era recato con l'onorevole Titti Bufardeci.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017