Excite

Lampedusa, la visita e le promesse di Silvio Berlusconi

Ieri il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi si è recato a Lampedusa per vedere di persona la situazione in cui versa l'isola e per infondere coraggio ed ottimismo alla popolazione. E lo ha fatto come è sua consuetudine. Sfoderando un bel sorriso e parlando al popolo lampedusano davanti al municipio, con accanto il sindaco Dino de Rubeis e il governatore siciliano Raffaele Lombardo, il premier ha snocciolato una dietro l'altra le sue soluzioni al grave problema che sta attanagliando l'isola.

Le immagini della visita di Silvio Berlusconi a Lampedusa

Berlusconi ha spiegato ai cittadini che il governo intende risolvere il problema dell'immigrazione e ha assicurato che l'isola ritornerà a splendere entro 48/60 ore (il video). Non solo. Il premier ha anche fatto sapere che intende proporre la candidatura di Lampedusa a Premio Nobel per la Pace. Ma non è finita qui. Per infondere coraggio alla popolazione e dimostrare di non avere alcuna intenzione di dimenticare l'isola, Berlusconi ha anche detto di aver acquistato una bella villa. Si tratta di Villa Le due Palme, 330 mq proprio di fronte al mare, acquistata per un milione di euro.

Le immagini di Villa Le due Palme

Il video delle promesse di Silvio Berlusconi a Lampedusa

Il presidente del Consiglio ha spiegato ai lampedusani che i centri di accoglienza verranno svuotati al più presto e che al porto ci sarà sempre una nave attraccata pronta ad imbarcare i migranti che via via arriveranno. Berlusconi ha poi detto: 'Stiamo cercando di comprare i pescherecci nordafricani per evitare che vengano usati dai trafficanti di migranti: magari, quando smetterò di fare il politico, deciderò anch'io di darmi al commercio di pesce fresco'.

Il premier ha spiegato che vorrebbe trasformare Lampedusa in una piccola Portofino. E quindi potenziare fognature, impianti di illuminazione, tracciare nuove strade, favorire una maggiore pulizia e un maggior decoro. 'Poi c'è la stagione turistica da preservare - ha detto Berlusconi - abbiamo incaricato Rai e Mediaset di confezionare dei servizi per far sì che gli italiani vengano in questo paradiso'. Ecco poi la promessa relativa all'apertura di un casinò e alla realizzazione di un campo da golf.

Ma il presidente non si è fermato qui e ha continuato: 'Vi concederemo una moratoria fiscale, bancaria e finanziaria per il disagio che avete patito. Non ci siamo dimenticati neppure dei pescatori: siamo in contatto con l'Eni che fornirà benzina a basso prezzo e faremo in modo che il primo carico sia gratuito'. E ancora: 'Lampedusa diventerà una zona a burocrazia zero e chiederemo a Bruxelles l'istituzione di una zona franca nella quale non si paghino tasse per i prodotti importati ed esportati: per aprire un ristorante o un negozio basterà rispettare le leggi edilizie e sanitarie vigenti'.

Un vero e proprio spettacolo quello offerto da Berlusconi, volto a sollevare gli animi degli abitanti di Lampedusa, che si è concluso con queste parole: 'Ieri mi sono chiesto: come posso dare ai lampedusani la sicurezza che tutti questi piani saranno messi in pratica? Risposta: devo diventare lampedusano anch'io. Così mi sono attaccato a internet e ho scovato una casa bellissima a Cala francese: si chiama due palme e l'ho comprata. Adesso avete nel governo un interlocutore assolutamente interessato'.

 (foto © LaPresse)

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016