Excite

Silvio Berlusconi chiede scusa agli italiani: "Non ce l'ho fatta, crisi ha cancellato sforzi"

  • Getty Images

A una settimana esatta dalla sfuriata di Villa Gernetto, Silvio Berlusconi torna a parlare agli italiani e questa volta lo fa per chiedere loro scusa. In occasione dell'uscita del libro di Bruno Vespa, Il Palazzo e la Piazza, l'ex premier si rivolge infatti ai cittadini del Belpaese dicendo: "Pensavo di chiedere scusa agli italiani perché non ce l'ho fatta. La crisi ha cancellato i nostri sforzi, anche se noi abbiamo lasciato la disoccupazione al punto più basso degli ultimi vent'anni".

Silvio Berlusconi da Briatore, tg kenyota: "Evasore fiscale"

Insomma, un mea culpa per quanto i suoi governi non sono riusciti a fare, con però alcune precisazioni relative all'impiego di "38 miliardi in ammortizzatori sociali", al taglio delle spese ai Ministeri "con la prima vera spending review" e all'attuazione del "più grande stanziamento sulla cassa integrazione della storia italiana". Per la serie: è andata male, ma non si può dire che non ci abbiamo provato.

Il Cavaliere però non parla solo del passato. A Bruno Vespa infatti spiega di stare ricevendo "pressioni da tutti i miei di restare in campo come padre fondatore del Movimento" e di aver scelto di fare un passo indietro per "ricompattare tutti gli elettori dell'area moderata dentro una sola coalizione". Ecco allora che le primarie del Pdl, "saranno un evento storico, non perché saranno le prime nella storia del nostro movimento, ma perché dovranno scegliere il successore di Berlusconi", nello "spirito del 1994", per "salvare il Paese e impedire che sia governato dalla sinistra".

Infine, Berlusconi rilancia (alla grandissima) Angelino Alfano, dicendo di lui: "E' il miglior protagonista oggi in circolazione, il miglior 'fico del bigoncio', come si usa dire". Per il Cavaliere, infatti, "Angelino è preparato, è coraggioso, è uno che mantiene la parola data" e l'occasione gli serve anche per chiarire di aver mai detto che al segretario del Pdl mancasse un 'quid': "Non ho mai affermato nulla del genere. All'inizio smentivo tante dichiarazioni fasulle che mi venivano attribuite tra virgolette, poi mi sono arreso", ha spiegato Berlusconi, concludendo: "Alfano è il nostro segretario a pieno titolo e con il sostegno di tutti, e sarà lui a prendere gli accordi con le altre componenti del centrodestra. Se metteranno giudizio".

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017