Excite

Silvio Berlusconi e Matteo Renzi: uno floppa a Domenica Live, l'altro fa il record stagionale a In mezz'ora. E' questa l'immagine politica del Paese?

  • GettyImages

di Laura Abbate

Silvio Berlusconi e Matteo Renzi conoscono bene (certamente meglio degli altri leader politici) il potere salvifico e politico del piccolo schermo. L'ex Premier, a dirla tutta, è stato uno dei primi conoscitori, nonché fautore, dell'ospitata televisiva. Matteo invece si è accodato, e questo probabilmente lo ha reso ancor più simile al suo predecessore in quel di Palazzo Chigi.

Come spesso accade però, l'allievo supera il maestro. I dati auditel della giornata di ieri infatti parlano chiaro: il Cavaliere a "Domenica Live", nel salotto della signora d'Urso non ha avuto grande seguito, il bischero invece ha fatto registrare il record stagionale al programma "In mezz'ora" condotto da Lucia Annunziata. Numeri alla mano il contenitore domenicale in onda sulla rete ammiraglia Mediaset, tra le 18:00 e le 18:55 ha totalizzato 2 milioni e 35 mila spettatori (share 11,80 per cento) nella seconda; la trasmissione di Raitre invece ha tenuto incollati allo schermo 1 milione 603 mila spettatori (share pari all'8.5). In termini assoluti, le cifre potrebbero essere entusiasmanti per il leader di Forza Italia e deludenti per il segretario del Partito Democratico.

Matteo Renzi ad Amici? Il veto di Mediaset

Un occhio televisivamente allenato e attentamente critico intuisce subito però quanto quell'8.5 per cento pesi come un macigno. E' il record stagionale per la signora Annunziata che certamente gongola per il risultato ottenuto. A interessare particolarmente è la dinamica che si nasconde dietro ai numeri. Seppur la partecipazione a "Domenica Live" del Cavaliere non volesse essere etichettata come una sconfitta mediatica, si potrebbe dire che Renzi sta recuperando terreno, o meglio, schermo.

Bizzaro è che lo stia facendo utilizzando gli stessi strumenti dell'ex Presidente del Consiglio. Quello stesso mezzo di comunicazione che negli anni ha consacrato Berlusconi, adesso lo sta tradendo. A conferma di questa tesi anche i dati auditel dell'intervista a "Porta a Porta" della settimana scorsa. Invece, il tubo catodico del Nuovo Centro Destra è scollegato (dalla realtà) e il Movimento Cinque Stelle preferisce il mero confronto virtuale a quello televisivo.

La tv è lo specchio del Paese e questa volta palesa la voglia di un cambiamento, quella che Matteo Renzi ha ribattezzato #lavoltabuona. Chissà se poi lo sia davvero. Se la storia è ciclica come i testi scolastici insegnano, beh allora si che potrebbe esserlo.

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017