Excite

Gianluca Buonanno vs Simona Izzo, alta tensione a Quinta Colonna: scintille in diretta sull'asse Nord-Sud

  • Facebook

Un confronto muscolare, nel ring del più urlato dei talk show nazionali, davanti ad un permissivo Paolo Del Debbio. Tra l’attrice Simona Izzo e il politico “padano” Gianluca Buonanno la battaglia in diretta tv è durata qualche minuto e si è svolta senza esclusione di colpi, ovviamente tutta sul piano verbale.

Il ring televisivo di Quinta Colonna approda su Rete4

Tema portante della trasmissione di ieri sera, la piaga dei servizi pubblici in Italia, a partire dai settori cruciali come sanità e trasporti, coi quali migliaia di cittadini fanno in conti quotidianamente, troppo spesso rimettendoci tempo e (nel più ampio senso della parola) salute.

Dopo qualche filmato introduttivo, le interviste alla "gente comune" e gli interventi di ospiti abituali come il portavoce della Federconsumatori Rosario Trefiletti, il duello in studio ha avuto inizio, prendendo spunto dalla disparità di condizioni che si presenta, con inequivocabile chiarezza, agli occhi di chiunque abbia necessità di recarsi in un ospedale o di spostarsi in treno per brevi o lunghi tratti di territorio.

Da un lato il Nord “ricco ed efficiente”, dall’altra il Sud dei disagi e dei disservizi: questa è la semplificazione, non solo giornalistica, con la quale spesso viene dipinta la situazione sociale ed economica del nostro Paese. Pronto ad “infierire” sulle diseguaglianze tra esempi virtuosi e modelli di opposto segno, il leghista Buonanno ha girato il coltello nella piaga elogiando la classe politica settentrionale per poi addossare le colpe del mancato sviluppo del Meridione su una sorta di complicità, quasi congenita, dei governanti coi (cattivi) governanti.

Per dare fuoco alle polveri, è bastato il discorso di Simona Izzo sul diritto di curarsi per tutti, con l’esempio del “bambino che ha bisogno di un apparecchio e non è giusto che debba aspettare lo zio o il nonno per farselo comprare”. Lo scatto del sindaco di Varallo Sesia, sempre in allenamento per le polemiche ad alta voce sia dentro le aule parlamentari che negli studi televisivi, è stato immediato e degno delle migliori risse a favor di telecamera.

Lei è una radical chic di sinistra, brava a fare la morale ma col portafogli a destra come la Littizzetto”, ha attaccato il rappresentante del partito di Bossi, rincarando la dose con qualche colpo basso: “Si è rifatta dalla testa ai piedi, perciò è andata a curarsi ad Avellino, ha aggiunto Buonanno riferendosi alle affermazioni fatte in precedenza dall’interlocutrice che raccontava della “buona sanità presente anche al Sud”.

“Cacci la moneta e pensi ai comunisti che hanno rubato”, l’invito finale al quale la Izzo non ha potuto fare a meno di rispondere per le rime, usando l’appellativo di “radical cafone, dalla voce insopportabile per restituire al mittente, almeno in parte, le gentilezze dispensate con estrema generosità dal deputato della Lega Nord nel pirotecnico salotto tv di Rete 4.

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017