Excite

Stop al nucleare in Germania

Dopo la Svizzera (leggi la notizia) è ora la Germania a dire addio al nucleare. Dal 2022 la Germania non utilizzerà più l'energia nucleare. Ad annunciarlo il ministro dell'Ambiente di Berlino Norbert Rottgen il quale ha detto che si tratta di una 'decisione irreversibile'. La decisione è stata maturata nel corso di una riunione tra i leader dei tre partiti della coalizione (Cdu, Csu e Fdp) e la cancelliera Angela Merkel.

Attualmente l'atomo fornisce il 22 per cento del fabbisogno d'energia, per tale ragione la decisione di dire addio al nucleare determinerà scelte importanti dal punto di vista delle politiche energetiche. Il piano di smantellamento delle centrali prevede che gran parte dei reattori venga disattivato entro la fine di quest'anno.

E non dobbiamo dimenticare che dopo il disastro giapponese di Fukushima una prima parte di reattori è già stata spenta. A quanto pare, dunque, saranno solo tre i reattori che rimarranno attivi fino al 2022. Il ministro Rottgen ha spiegato che gli otto reattori dei 17 che non sono collegati alla rete di produzione di energia elettrica non saranno più riattivati.

Decidendo di abbandonare il nucleare, Berlino torna ad adottare il piano di uscita dal nucleare varato dalla coalizione di centrosinistra guidata da Schroeder. Sembra sia in lavorazione ora un piano alternativo all'energia nucleare che punterebbe soprattutto sull'eolico.

 (foto © LaPresse)

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016