Excite

Terzo Segreto di Satira su "chi vota M5S" a Piazza Pulita, tutti gli stereotipi dell'elettore "grillino" (VIDEO)

  • Youtube

Le ironie sugli elettori dei partiti e movimenti protagonisti della politica italiana occupano sempre un posto d’onore nel mare magnum del web, grazie a video e vignette di pregevole fattura e talvolta geniali postate a getto continuo da professionisti o autodidatti dell’umorismo a sfondo satirico.

Grillo scatenato al Circo Massimo, le foto del comizio-show alla festa del M5S a Roma

Campioni nel genere, i ragazzi del collettivo noto al popolo della rete come Il Terzo Segreto di Satira, dotati come pochi altri di creatività e vis comica in grado di reinterpretare in chiave paradossale i temi dell’attualità e per questo inseriti da Corrado Formigli con una striscia satirica nello spazio settimanale di Piazza Pulita su La7.

Bersaglio dell’irriverente fantasia di Pietro Belfiore, Andrea Fadenti, Andrea Mazzarella, Davide Rossi e Davide Bonacina, nella puntata del talk show andata in onda lunedì scorso erano i simpatizzanti e gli attivisti del M5S, ironicamente messi in scena in una serie di sketch esilaranti, incentrati sulle idee “estremizzate” dell’elettorato grillino.

(Ironie sul M5S, luoghi comuni e "complottismo" nel video del Terzo Segreto di Satira)

Sospettoso, anticonformista fino all’eccesso e propenso alla polemica contro tutto e tutti, il fan del Movimento dipinto a tinte forti dal Terzo Segreto di Satira riassume non senza volute forzature gran parte dei luoghi comuni su complottismo, ambientalismo e radicalismo anti-Casta, ingredienti sicuramente presenti nell’humus dell’organizzazione politica fondata da Beppe Grillo e Roberto Casaleggio.

“Qualcuno vota 5 Stelle perché vede sempre del marcio” o “perché ha visto troppe puntate di Mistero, oppure ancora “pensa di avere tutti contro” e “fa sempre paragoni con l’estero” sono solo alcuni degli stereotipi raccolti e montati ad arte per l’occasione in un crescendo di comicità.

Il risultato è un divertentissimo video satirico, tagliente ma tutt’altro offensivo per i destinatari degli sfottò grazie all’abilità degli autori, destinato a fare breccia non solo tra i detrattori del M5S ma anche tra gli stessi pentastellati, che sicuramente apprezzeranno in particolar modo il finale a sorpresa dell’ultimo sketch, con l’autogol dell’elettore renziano tradito dall’ormai leggendaria esca degli 80 euro del bonus Irpef pre-Europee.

Pubblicato da Marco Franco - Profilo Google+ - Leggi più articoli di Marco Franco

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017