Excite

Tracce maturità, gaffe del Ministero su Montale

Su Montale gli esperti di viale Trastevere (le tracce pare siano state scelte dal predecessore della Gelmini) hanno preso un abbaglio. I versi della poesia proposta "Ripenso il tuo sorriso" sono dedicati a un compagno di scuola, assicura la poetessa Maria Luisa Spaziani, esperta di Montale e animatrice del Premio dedicato al poeta al quale è stata a lungo legata sentimentalmente. Peccato che, invece, nelle indicazioni fornite assieme al testo della poesia si faccia riferimento esplicitamente a una figura femminile.

Leggi il testo della traccia su Eugenio Montale

"Nella prima strofa - si legge infatti del testo di supporto fornito dal ministero agli studenti - il poeta esprime, in una serie di immagini simboliche, da una parte la sua visione della realtà e dall'altra il ruolo salvifico e consolatorio svolto dalla figura femminile". E ancora. "Il ricordo della donna è condensato nel suo viso e nel sorriso, nel quale si manifesta libera, la sua animà". Per concludere facendo notare che "nell'ultima strofa ricorrono espressioni relative sia alla condizione interiore del poeta, sia alla pensata effigie della donna".

Giorgio de Rienzo, su Corriere.it, rincara la dose con altri particolari da "Montalofilo" rinomato: "La traccia prevede, prima di tutto, che lo studente riassuma brevemente il contenuto informativo della lirica in questione. Una poesia ha il valore di una notizia? Non lo sapevo. Lo studente, più saggio degli esperti del ministero, avrà proceduto a fare un semplice riassunto di ciò che i versi di Montale sanno evocare. La prima strofa mette in scena il ricordo di un sorriso che è come un’acqua limpida, vista per caso, tra le petraie d’un greto, una sorta di piccolo lago in cui si rispecchia l’edera e più in alto ancora l’abbraccio d’un bianco cielo. Montale è qui chiarissimo: mette in primo piano un ricordo caro. Il Ministero complica tutto perché chiede di individuare la visione della realtà del poeta e quella del ruolo salvifico e consolatorio della figura femminile. Siamo nei guai. Qui c’è un errore grossolano: la poesia è dedicata a Baris Kniaseff che donna non è, ma un vecchio amico ora lontano.

Ma non è finita qui, perché l'errore del Ministero è doppio. Giovanni Pacchiano (insegnante di italiano e latino al Parini di Milano) precisa: "Qualunque mediocre cultore di Montale sa che il tema della figura salvifica della donna compare molto dopo nella carriera del poeta. Precisamente nel mottetti, testi brevi di intonazione popolare, contenuti ne le Occasioni. La raccolta è uscita anni dopo "Ossi di Seppia" del 1925, in cui è contenuta Ripenso al tuo sorriso, la poesia che i maturandi dovevano commentare".

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016