Excite

Turchia, il sorriso delle donne contro il governo: su Twitter campagna con foto e hashtag #kahkaha

  • Twitter

La battaglia del sorriso in Turchia è appena cominciata e la reazione collettiva delle donne sotto accusa per la presunta “dissoluzione dei costumi” nella società moderna sembra aver sortito già i primi effetti.

Donne e velo islamico, condanna in tribunale per Daniela Santanchè

Non sono mancate, in questi giorni, dure prese di posizione da parte di personaggi politici di primo piano e stimati intellettuali contro le tesi oscurantiste del vicepremier Bülent Arinç e la campagna moralizzatrice intrapresa a suo tempo dal premier Erdogan, atteso peraltro alla prova delle elezioni generali il prossimo 10 agosto.

“Le donne non devono sorridere in pubblico aveva sentenziato il numero due dell’esecutivo conservatore a guida Akp, precisando che l’altra metà del cielo è tenuta a distinguere “ciò che morale da cosa è immorale ed a non assumere mai “atteggiamenti provocanti” nonché a “preservare la propria castità.

Dalle destinatarie del categorico invito proveniente da un autorevole esponente del governo turco, però, è partito per tutta risposta un contrattacco organizzato, con una valanga di foto pubblicate su Twitter come sfida aperta alla nuova crociata anti-femminista dei conservatori al potere.

(Le donne turche sfidano il vicepremier e lanciano la "battaglia del sorriso)

Centinaia, in poche ore, gli scatti di donne giovani e meno giovani sorridenti apparse sui social network, con risultati straordinari in termini di forza comunicativa di un messaggio destinato ad oltrepassare rapidamente i confini nazionali per coinvolgere sostenitrici e sostenitori dei diritti civili in tutto il mondo.

Il rischio di un ritorno al passato di un Paese dove convivono islamismo radicale e storiche roccaforti di laicità è sotto gli occhi di tutti, anche se la controffensiva messa in atto dalle donne turche rispetto alle dichiarazioni shock di Bülent Arinç si è rivelata fino ad ora vincente.

Le tesi estremiste di alcuni esponenti del Partito per la Giustizia e lo Sviluppo al timone del Paese da ormai 11 anni, sono ben note all’opinione pubblica interna e mondiale: dal responso delle urne, tra meno di due settimane salvo ballottaggio, si potrà capire quanto abbia pesato la battaglia del sorriso tra le donne (e gli uomini) della Turchia.

Pubblicato da Marco Franco - Profilo Google+ - Leggi più articoli di Marco Franco

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017