Excite

Umberto Bossi si è dimesso da segretario della Lega Nord

  • Infophoto

Umberto Bossi si è dimesso da segretario della Lega Nord: "Scelta irrevocabile", queste le prime parole che segnano la fine di un'era, una lunghissima fase della storia del nostro paese.

Rivivi tutta la "Bossi story"

La già traballante poltrona di Bossi non è riuscita a resistere dopo l'enorme scandalo sui finanziamenti del partito. Il tesoriere Belsito aveva parlato anche di soldi che "chiaramente Bossi dava in nero, tempo fa, al partito".

Di oggi le indiscrezioni dei 200mila euro che Belsito aveva prelevato dalle casse della Lega per destinarli al Senatur e alla sua famiglia. E proprio mentre agli atti spuntava anche il nome di "Silvio", il vertice del Carroccio a Via Bellerio viveva uno dei momenti clou della storia del partito e della "Padania", le dimissioni di Umberto Bossi.

Secondo la nota ufficiale, "Bossi ha annunciato la sua decisione, definita da lui stesso irrevocabile, di rassegnare le dimissioni da segretario federale, per poter meglio difendere e tutelare l'immagine del movimento, e la sua famiglia, in questo delicato frangente. Il Consiglio federale, all'unanimità, ha chiesto ripetutamente a Umberto Bossi di ritirare le sue dimissioni, ribadendo al contempo l'unanime stima e solidarietà al segretario federale, che, però, ha ribadito con fermezza di ritenere irrevocabile la sua decisione di dimettersi. A fronte di questa decisione il Consiglio federale, sempre all'unanimità, ha deliberato di nominare Umberto Bossi nuovo presidente federale della Lega Nord, con la richiesta di proseguire la sua attività politica con una determinazione e convinzione, se possibile, ancora maggiori".

Umberto Bossi, classe 1941, ha fondato la Lega Nord il 4 dicembre del 1989: oggi, quasi 23 anni dopo, la fine della sua era. Il partito "duro e puro" si è sbriciolato dopo l'enorme scandalo. Chi sarà il nuovo segretario della Lega?

Per il momento il consiglio federale del partito ha pensato ad un triumvirato che provvisoriamente prenderà il posto di Bossi, triumvirato composto da Roberto Maroni, Roberto Calderoli e Manuela Dal Lago: saranno loro tre a guidare il partito fino al Congresso. E' stato nominato anche il nuovo tesoriere della Lega: è Stefano Stefani, parlamentare dal 2008.

Radio Padania ha atteso diversi minuti per dare la notizia delle dimissioni di Bossi (in quei momenti si parlava di gatti), poi ha dato spazio alle telefonate degli ascoltatori: quasi tutti in lacrime, senza parole ed emotivamente distrutti per l'abbandono del leader. Emblematiche le parole di uno sconfortato ascoltatore: "E' come se avessi mangiato una torta di merda".

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016