Excite

Un giornalista iracheno lancia le scarpe contro Bush

Il presidente degli Stati Uniti George W. Bush ha visitato a sorpresa l'Iraq per salutare le truppe, ma la vera sorpresa l'ha ricevuta lui. Nel corso dell'incontro con il presidente iracheno Nuri al-Maliki, infatti, un giornalista inferocito per quanto affermato da Bush, ha lanciato contro il presidente Usa le sue scarpe. A scatenare l'ira del gionalista l'affermazione di Bush che ha detto: "In Iraq la guerra non è finita".

Guarda le immagini del lancio di scarpe contro George W. Bush

Le parole del presidente Usa, infatti, sono arrivate dopo la firma di un accordo bilaterale che prevede entro il 2011 la gran parte del ritiro delle truppe Usa. "In Iraq c'è ancora lavoro da fare - ha detto il presidente Usa - la guerra non è finita, ma grazie a questi accordi, grazie al coraggio del popolo e dei soldati iracheni, dei militari e del personale civile americano, siamo decisamente avviati sulla via della vittoria".

Il giornalista autore del gesto ha prima urlato "cane" contro il presidente Usa e poi gli ha lanciato le scarpe. Subito sono intervenuti gli agenti della sicurezza irachena e del Servizio segreto Usa che hanno portato via l'uomo. Il giornalista si chiama Muntadar Al Zeidi e lavora per la rete televisiva sunnita e antiamericana "Al-Bagdadia". Bush ha definito l'incidente solo come un "modo per attirare l'attenzione". Il giornalista è stato poi trattenuto per un interrogatorio e sottoposto ai test di alcol e droga.

Il viaggio in Iraq è stato organizzato in gran segreto e per Bush potrebbe essere stato l'ultimo dal momento che il suo mandato scade il 20 gennaio. Il presidente Usa ha proseguito il suo viaggio in Afghanistan, dove oggi ha visitato la base militare di Bagram, fuori Kabul.

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2016