Excite

Fedez, l'inno per il M5S (Movimento 5 stelle) è "Non sono partito". Il video

  • Facebook

Non ha mai avuto peli sulla lingua il giovane rapper Fedez, ma col nuovo album il pensiero di Federico Leonardo Lucia sembra giunto ad una fase di maturazione decisamente avanzata, al punto da non esitare a scoprire le carte con un endorsement politico forte e chiaro.

"Pop-Hoolista", Fedez sceglie la contestazione: bordate a politica e mass media

La conferma di un feeling profondo tra il 24enne artista milanese e il Movimento 5 Stelle, dopo qualche indiscrezione e voce di corridoio filtrata nei meandri della rete più o meno di recente, è arrivata adesso nero su bianco nelle interviste concesse dall’astro nascente della scena musicale italiana.

“Uno dei brani di Pop-Hoolista è destinato a diventare inno del M5S ha rivelato il cantante a Tgcom24, riferendosi al singolo Non sono partito, concepito in origine come contestazione in versi alla classe politica nazionale e successivamente richiesto dagli attivisti del movimento fondato da Beppe Grillo per dare una colonna sonora speciale alla festa del Circo Massimo, in programma dal 10 al 12 ottobre prossimo.

Una scelta, ci tiene a chiarire Fedez a scanso di equivoci o strumentalizzazioni dietro l'angolo, che però non è frutto di un “atto di fede”, essendo dettata da considerazioni legate all’attuale fase storica ed alla necessità di rompere con la vecchia politica, Pd e Renzi compresi.

(Fedez, lancia "Pop-Hoolista": critiche alle nuove generazioni ed alla classe politica)

“Non credo ai complotti ed alle scie chimiche ha inoltre aggiunto De Lucia prendendo parzialmente le distanze dalle tesi di alcuni esponenti dell’ala più radicale del M5S, anche se la sintonia coi “pentastellati” su temi concreti come la critica al Presidente Giorgio Napolitano e l’opposizione senza sconti alle scelte su lavoro ed economia del governo in carica.

Dall’abolizione dell’articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori ad altri aspetti della politica renziana, poche cose vanno giù a Fedez della “Repubblica non vedente” fondata a suo avviso sulla trattativa Stato-mafia prima ancora che sulle larghe intese parlamentari.

L’inno del Movimento 5 Stelle per il raduno di Roma sarà presto disponibile in rete e, tra due settimane, verrà amplificato a tutto volume dalle casse del palco del Circo Massimo dagli organizzatori della kermesse nazionale firmata Grillo-Casaleggio, per la gioia degli amanti del rap “impegnato”.

Pubblicato da Marco Franco - Profilo Google+ - Leggi più articoli di Marco Franco

politica.excite.it fa parte del Canale Blogo News - Excite Network Copyright ©1995 - 2017